Autobus 95, la linea dei trafficanti di droga

Cronaca

Milano 17 Luglio – I principali covi della droga erano sempre quelli, le case occupate abusivamente e «protette» dagli anarchici al Corvetto che sfruttano l’emergenza abitativa per aumentare i consensi nei quartieri popolari di Milano. A cambiare, in questa inchiesta anti-droga del commissariato Scalo Romana, è stato il punto di contatto tra i rifugi dell’hashish e della cocaina – insieme agli alloggi c’erano anche garage, sempre abusivi, e macchine parcheggiate intestate a prestanome in cambio di denaro – e i trafficanti. Incontri, affari e discussioni avvenivano a bordo di un bus. Quello della linea 95, che percorre la periferia meridionale.

I trafficanti fin qui sono cinque e tutti marocchini; preferivano il mezzo pubblico alle automobili convinti com’erano di dar meno nell’occhio e rendere più difficili indagini e inseguimenti. Misura vana in quanto sono stati sorpresi e fermati, con una ventina di chilogrammi di «roba» che le analisi di laboratorio hanno confermato essere di buona qualità. Sul bus sostavano anche ore. Quando non dovevano incontrare qualcuno e trattare una «partita», scendevano, percorrevano pochi metri, andavano verso una delle macchine dell’imbosco, estraevano il carico, attendevano il passaggio del compratore e lo consegnavano; dopodiché cammino inverso e tornavano a casa.

Già detto del Corvetto, dobbiamo aggiungere alla geografia del narcotraffico Gratosoglio e Barona. E naturalmente la Spagna, da dove arrivano i camion con hashish e cocaina, nascoste nella carrozzeria e a prova anche del fiuto dei migliori cani addestrati per la ricerca. I trafficanti, secondo quanto ricostruito dagli investigatori guidati dal vicequestore Angelo De Simone, hanno esperienza, non sono certo degli sprovveduti, non occupano gli ultimi gradini delle gerarchie criminali e prova ne è che avevano accumulato potere e incassi tali da «legittimare» un loro salto di qualità. Non sono un mistero i recenti investimenti dei «cartelli» nordafricani (storicamente legati all’hashish) sulla cocaina, con di conseguenza la scelta di altri canali di approvvigionamento e altre tratte che non partono dall’area del Maghreb.

I cinque fermati frequentavano anche dei bar utilizzati come base e in generale si servivano del degrado dei palazzi popolari per i malaffari, nella sicurezza di perdersi in mezzo a tanti altri balordi e di non attirare le attenzioni dei residenti perbene, stanchi di denunciare e rischiare vendette sulla propria pelle. Negli ultimi mesi sono stati almeno quattro gli appartamenti occupati «riconverti» sia in depositi della droga sia in vere raffinerie per la lavorazione degli stupefacenti. Non sono escluse, del resto gli esempi del passato non mancano, le presenze di sentinelle, anche di giovane età, che «vigilavano» sui passaggi delle forze dell’ordine e davano l’allarme. C’è riserbo degli investigatori perché quanto scoperto potrebbe aprire nuovi filoni e portare a galla nuove piste. Inutile ricordare che l’azienda dei trasporti è completamente estranea a come il bus della linea 95 veniva «inteso» dai trafficanti; anzi, dall’Atm c’è stata una collaborazione che ha aiutato, anche se le scene a bordo non erano evidenti, non c’era nessuno spaccio, non c’erano azioni in flagranza e i marocchini mischiati ai passeggeri prendevano misure e contromisure per apparire degli anonimi pendolari alla fine del turno d lavoro. A difesa delle macchine parcheggiate, custodi dei «tesori» dei trafficanti, c’erano articolati e sostenuti turni di guardia, molto discreti.

Andrea Galli (Corriere)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.