A “Quinta Colonna” la società civile chiede sicurezza

Milano

Milano 7 Ottobre –  Ieri sera la trasmissione di Rete 4 “Quinta Colonna” ha effettuato un collegamento in diretta da Piazza Oberdan. A prendere la parola i cittadini inferociti dallo stato di abbandono dell’area di Porta Venezia da parte della Giunta Pisapia. Nella zona gli episodi di microcriminalità sono ormai all’ordine del giorno, la sicurezza è solo un miraggio. Questo è anche dovuto alle centinaia di immigrati irregolari che non hanno un lavoro, bivaccano in zona e che per sopravvivere spesso commettono dei reati. Contro Pisapia numerosi cartelli di Asscomm Porta Venezia che rimproverano al Sindaco il fatto di non aver mai voluto ascoltare i cittadini ed i commercianti. Un insolito Vittorio Feltri dallo studio sostiene che l’Italia è il Paese più sicuro d’Europa basandosi sui dati Eurostat che sembrerebbero dargli ragione. In Piazza Oberdan si scatena l’ilarità mista a rabbia. Praticamente tutti i presenti hanno potuto, in un modo o in un altro, toccare con mano l’assenza di sicurezza: dalla vecchietta scippata a chi aveva visto rapinare la propria abitazione. Per rispondere a questa dichiarazione di Feltri è intervenuto il Presidente di Asscomm Porta Venezia Luca Longo: “Dott. Feltri la gente ha un grande bisogno di sicurezza. Tanto è vero che, dato che le istituzioni latitano, abbiamo proceduto nei mesi scorsi ad organizzare delle ronde per il presidio del territorio. Le statistiche che lei cita sono opinabili.” (Il numero di reati in Italia è sensibilmente inferiore alla media europea perché il sistema giudiziario non funziona e la gente sfiduciata non denuncia). La discussione continua in studio, dopo di che interviene da Piazza Oberdan una signora che con estrema semplicità fa notare come in pochi mesi sia stata derubata in casa ed abbia subito uno scippo e chiede: “Ma cosa deve accadere affinché le istituzioni, a partire dal Comune di Milano, prendano i provvedimenti più adatti alla situazione?”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.