bodycam

Regione, chiuso il bando per le bodycam

Lombardia

Si è chiuso ieri il bando di Regione Lombardia per finanziare l’acquisto di telecamere mobili in dotazione agli agenti della Polizia Locale. Sono stati moltissimi i comuni che, in forma singola oppure associata, hanno partecipato al bando per finanziare l’acquisto di bodycam e le altre tipologie di telecamere mobili da fornire agli agenti della Polizia Locale: i costi saranno interamente coperti da Regione Lombardia. Nel dettaglio sono state presentate 230 domande, così distinte: 159 da parte di Comuni singoli, 57 da Comuni associati, 14 da Unioni di comuni/Comunità Montane. Il contributo è al 100% regionale, con le seguenti soglie massime: 8mila euro per i comuni singoli, 10mila euro per comuni singoli con dotazione organica minima di 18 operatori, 12mila euro per Comunità Montane/Unioni di Comuni ed enti associati e 15mila euro per Comunità Montane/Unioni di Comuni ed enti associati con dotazione organica minima di 18 operatori.

Le telecamere che saranno date in dotazione ai Comuni – spiega Riccardo De Corato, ex vicesindaco di Milano e Assessore a Sicurezza, Immigrazione e Polizia Locale di Regione Lombardia – potranno essere utilizzate durante il pattugliamento a bordo dell’autovettura oppure durante le operazioni di controllo del territorio

Nel mese di giugno – ha spiegato De Corato – abbiamo stanziato 3,6 milioni di euro per la videosorveglianza. Con questo bando avevamo inizialmente destinato 300 mila euro per le telecamere mobili, a cui abbiamo aggiunto un ulteriore stanziamento di 100 mila euro, ritenendolo di particolare importanza. In questa fase sperimentale, abbiamo potuto verificare la grande partecipazione dei Comuni. Questi nuovi strumenti cambieranno la vita ai nostri agenti di Polizia Locale al lavoro nelle strade perché, fungendo da deterrente con balordi e violenti, saranno molto utili per la loro incolumità tutelandoli maggiormente dalle aggressioni“. “I prossimi bandi – ha quindi concluso De Corato – riguarderanno il finanziamento per l’acquisto di taser e spray al peperoncino, strumenti sempre più necessari affinché i vigili lombardi possano svolgere in sicurezza il loro lavoro. Infine, dal primo di gennaio di quest’anno al Comune di Milano sono stati destinati 50mila euro per le body cam. Ci chiediamo quando anche i vigili milanesi saranno dotati di questo strumento: ci era stato detto entro giugno, ma ancora non abbiamo visto niente“.

Milano Post

Milano Post è edito dalla Società Editoriale Nuova Milano Post S.r.l.s , con sede in via Giambellino, 60-20147 Milano.
C.F/P.IVA 9296810964 R.E.A. MI – 2081845

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.