Assolto Belpietro, accusato di offesa all’Islam. Per il giudice “il fatto non sussiste”

Assolto perché il “fatto non sussiste”, questa la sentenza che ha visto protagonista Maurizio Belpietro, a processo a Milano per “vilipendio” verso coloro “che professano la religione islamica”. La motivazione dell’accusa era l’aver pubblicato, l’8 gennaio 2015, sulla prima pagina di Libero, giornale di cui era direttore, una foto che mostrava l’attacco terroristico al settimanale satirico Charlie Hebdo a Parigi accompagnata dal titolo ‘Questo è l’Islam’.

La decisione è stata presa nel pomeriggio di ieri da Ombretta Malatesta, giudice monocratico del Tribunale di Milanoc, non accogliendo la richiesta del pm Piero Basilone di condannare il giornalista a una multa da 7.500 euro. Il pm contestava inoltre al direttore de ‘La Verità’ l’aggravante di “avere commesso il fatto per finalità di discriminazione e di odio religioso”, nonché la violazione della legge Mancino che punisce “discriminazione, odio o violenza per motivi razziali, etnici, nazionali o religiosi”.

Da questi reati Belpietro era già stato assolto nel dicembre 2017 per il famoso titolo  “Bastardi islamici”.

Milano Post

Milano Post

Milano Post è edito dalla Società Editoriale Nuova Milano Post S.r.l.s , con sede in via Giambellino, 60-20147 Milano. C.F/P.IVA 9296810964 R.E.A. MI – 2081845

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

1
WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com