Mafia nigeriana, l’arresto del finto prete

Li ha pure minacciati di scomunica. Un ultimo disperato tentativo di un finto missionario per convincere la Guardia di Finanza a lasciarlo andare. I militari però nel suo taschino hanno trovato 3 chili di eroina. La nuova droga dei poveri è sempre più presente nel mercato italiano, tanto più lo è da quando i flussi incontrollati di immigrazione hanno portato a un’incremento della comunità nigeriana che si è portata dietro anche i mali del proprio Paese. La malavita nigeriana è infatti una delle principali mafie africane e da tempo è specializzata nello sfruttamento della prositutuzione, campo nel quale ha raggiunto accordi anche con le mafie italiane, e nel commercio di cocaina.Il gesto di minacciare la scomunica non è casuale: in Nigeria l’elemento religioso è ancora molto importante e le organizzazioni malavitose lo usano come strumento di controllo. Per altro la religione e le sue distorsioni sono parte anche della cultura della magia italiana o dei cartelli messicani con il culto della santa muerte.

Milano Post

Milano Post

Milano Post è edito dalla Società Editoriale Nuova Milano Post S.r.l.s , con sede in via Giambellino, 60-20147 Milano. C.F/P.IVA 9296810964 R.E.A. MI – 2081845

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

1
WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com