Protestano i gestori delle aree di rifornimento per l’obbligo di fatturazione elettronica «Troppa burocrazia, rischio code»

Economia e Diritto

Milano 18 Maggio – DAL PRIMO luglio – per le cessioni di benzina e gasolio utilizzati come carburanti per autotrazione – non potrà più essere usata la scheda carburante, ma scatterà l’obbligo di emissione della fattura elettronica per gli impianti di distribuzione carburante. Con l’abolizione della “carta carburante”, tutte le stazioni di servizio a Milano dovranno perciò essere pronte a gestire un incremento esponenziale della fatturazione che, oggi, «riguarda invece solo specifiche transazioni verso taluni soggetti passivi Iva Un aggravio imponente che non potrà nemmeno giovarsi degli attuali sistemi tecnici di produzione e validazione di ogni singola fattura: anche quelli tecnologici attraverso “App” che prevedono, comunque, tempi difficilmente conciliabili con l’operatività delle stazioni carburanti».

Paolo Uniti, direttore del Sindacato gestori carburanti milanesi Figisc (Confcommercio Milano), prevede che «il provvedimento creerà grandi difficoltà operative». Le stime dell’associazione di categoria parlano chiaro: «l’emissione giornaliera, da parte dei distributori di carburante, di 18.000 e-fatture: quasi 5 milioni e 200mila in un anno. Nella sola città di Milano, con circa 300 stazioni di servizio, verrebbe congestionata l’attività degli impianti con inevitabili forti criticità per gli automobilisti. Il rischio di code agli impianti è concreto». Per questo il Sindacato gestori carburanti milanesi Figisc chiede una partenza graduale e a “doppio binario” fino a gennaio 2019 «per dar modo agli impianti urbani di prepararsi adeguatamente e scongiurare, così, problemi di operatività nelle stazioni carburanti milanesi fra l’altro proprio nel periodo delle partenze estive». SOS In vista dell’esodo estivo e delle nuove regole le associazioni di categoria paventano disagi per gli automobilisti (Il Giorno)

Milano Post

Milano Post è edito dalla Società Editoriale Nuova Milano Post S.r.l.s , con sede in via Giambellino, 60-20147 Milano.
C.F/P.IVA 9296810964 R.E.A. MI – 2081845

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.