Torre di Liprando, un monumento da riscoprire e valorizzare

Milano 25 Settembre – Tra i tesori nascosti e poco conosciuti di Milano c’è la Torre di Liprando,  un campanile in tipico stile romanico lombardo. Apparteneva alla chiesa della SS Trinità, fondata nel 1075 dal prete Liprando in un terreno di sua proprietà nella zona del Borgo degli Ortolani.

La torre di Liprando-SS Trinità è situata quindi, nel cuore del Borgo degli Ortolani, a due passi dall’Arena Civica, dall’Arco della Pace e dal Castello Sforzesco.

  • Il giardino intorno alla torre è una piccola oasi di serenità protetta da diverse essenze di alto fusto: un platano ed un cedro, alti più di 20 metri, riempiono il campanile di vita e colore.Il terreno, che copre un’area di circa 900mq, è in piano ed accessibile dalla via Giannone. Lo spazio èè ideale per eventi estivi: mostre, mercatini, eventi privati
  • offre luce naturale ed è molto fresco.
  • La storia della Chiesa della S.S Trinità a cui il la torre apparteneva, ha attraversato momenti difficili fimo alla demolizione nel 1968
  • Fondata dal prete patarino Liprando intorno al 1070 in un terreno di proprietà denominato ponsGuinizeli, in fondo al fontanile di S. Rocco che correva lungo l’attuale via Niccolini, comprendeva anche una canonica.Su richiesta di Liprando, che è sempre in lite con la curia milanese, Urbano II accetta di sottrarre la chiesa al clero ambrosiano  e la pone sotto la protezione della Santa Sede, con bolla papale datata 1099.Dopo la morte di Liprando, avvenuta nel 1113, il terreno e gli immobili vengono assegnati come grangia ai benedettini di S. Simpliciano.

Nel 1291 viene preposto alla chiesa  fràBonvesin de la Riva, appartenente al terzo ordine degli Umiliati. Le cronache riportano che Bonvesin raccolse l’invito del pontefice di far suonare le campane per sollecitare tre volte al giorno i fedeli alla preghiera: al mattino per l’Ave Maria, a mezzogiorno per l’Angelus e al tramonto per i Vespri. La pratica potrebbe essere stata inaugurata proprio nella chiesa della Santissima Trinità.Nel 1571 l’ordine viene sciolto tragicamente e la chiesa viene inglobata nella parrocchia di S. Protaso in campo foris.E’ solo nel 1608 che la SS Trinità diviene parrocchia autonoma, grazie all’intervento del Cardinal Borromeo.Nel 1616 la chiesa viene completamente distrutta da un incendio; l’unica parte superstite è proprio il campanile.La ricostruzione vede l’utilizzo di un’architettura coerente con lo spirito del tempo.Tra il 1900 il 1902 la chiesa acquista nuova facciata, disegnata dall’architetto Giuseppe Boni: neo-barocca, accoglie un gruppo scultoreo, posto sulla porta principale e modellato dallo scultore Orazio Grassoni. Un nuovo campanile viene costruito tra il 1909 e il 1911 su progetto dell’ingegner Giovanni Ambrogio Locatelli mantenendo anche il vecchio campanile.

Rimane la Torre e il suo valore storico ed architettonico. Oggi, di proprietà privata, andrebbe valorizzata per restituire a Milano un gioiello del suo patrimonio artistico.

E’ stato fatto un piano dei lavori disegnato in modo da rendere fruibile lo spazio nel più breve tempo possibile e poter quindi attivare un processo di selezione degli sponsor per il restauro della torre:

  1. nuova intitolazione dello spazio:la torre campanaria faceva parte del complesso della chiesa ed oratorio della SS Trinità, abbattuti negli anni Sessanta per essere ricostruiti nella adiacente via Rosmini
  2. sistemazione area verde ed illuminazione serale: attualmente il terreno circostante la torre non è manutenuto per la visita e l’utilizzo dello spazio; le essenze sono cresciute in modo spontaneo, impedendo in parte la vista della torre
  3. apertura dell’accessoda via Giannone 9: attualmente l’unico accesso al terreno ed alla torre insiste su proprietà condominiale ed è quindi soggetto alle autorizzazioni del caso.
  4. produzione ricerche e di materiale informativo, in collaborazione con università ed istituti di ricerca storico-artistica: è a disposizione una monografia commissionata da Gruppo Bordiga ad un esperto ma è necessaria la realizzazione di materiali più robusti dal punto di vista storico-artistico e più fruibili dal pubblico e dai visitatori
  5. realizzazione di eventidi carattere culturale, in collaborazione con enti e associazioni: si prevede l’apertura e la messa a disposizione dello spazio ad attività inerenti allo spirito di valorizzazione della torre
  6. collaborazione con guide ed enti turistici: un’opera di valorizzazione che rimanga fine a se stessa non è assolutamente tra gli obiettivi del progetto, che al contrario intende ampliare la conoscenza non solo della torre ma della storia e della tradizioni del quartiere

E’ possibile contribuire al progetto in qualità di sponsor. Per contatti: torreliprando@gmail.com (dal sito dedicato).

Ieri la Torre è stata visitata dal Consigliere Comunale Fabrizio De Pasquale e dal Consigliere del Municipio 1 Giampaolo Berni , che hanno garantito il loro impegno per la realizzazione della illuminazione artistica della Torre.

Share Button
Milano Post

Autore: Milano Post

Milano Post è edito dalla Società Editoriale Nuova Milano Post S.r.l.s , con sede in via Giambellino, 60-20147 Milano. C.F/P.IVA 9296810964 R.E.A. MI – 2081845

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com