La tua voce : L’orgoglio e l’identità di Bruzzano contro la “cattiva” stampa di sinistra

Milano 20 Aprile – Caro Direttore, vivere a Bruzzano non è facile, per quell’immagine difficile da cancellare che vuole

Casa Aler
Casa Aler

la zona abitata dalla mafia. Ma a Bruzzano vive molta gente perbene, gente operosa che sa che cosa vuol dire lavorare sodo e con difficoltà per mantenere la famiglia, gente che ha il senso della condivisione e della solidarietà. Oggi questa gente, me compreso, è fortemente arrabbiato perché ABC il giornalino che esce periodicamente e parla dei fatti successi ad Affori, Bruzzano e Comasina, dipinge la zona come se appartenesse alla mafia. Una disinformazione inaccettabile. Una descrizione vista da sinistra che non tiene conto delle associazioni per disabili che operano per aiutare il prossimo, non evidenzia che è in atto la ristrutturazione delle case Aler voluta dalla Regione, che esiste un glorioso “Bruzzano calcio” già vincitore di due campionati di Lega juniores. Lo sport è molto sentito perché diventa momento e occasione di socializzazione e di condivisione di valori.

Questa è la vera Bruzzano che sa guardare con attenzione chi ha difficoltà e tenta in tutti modi di dare una spinta di rinascita alla zona. BruzzanoPersonalmente mi sto occupando di mettere in sicurezza alcuni marciapiedi, per evitare altri infortuni e, contemporaneamente ho proposto al Municipio 9 di predisporre un piano operativo per eliminare le barriere architettoniche che tanti disagi creano ai disabili. Il mio sogno è di vedere realizzata una viabilità pedonale che sia ristrutturata senza marciapiedi pericolanti e senza barriere architettoniche.

Cordiali saluti

Maurizio La Loggia Consigliere (F.I) Municipio 9

Share Button
Milano Post

Autore: Milano Post

Milano Post è edito dalla Società Editoriale Nuova Milano Post S.r.l.s , con sede in via Giambellino, 60-20147 Milano. C.F/P.IVA 9296810964 R.E.A. MI – 2081845

2 pensieri riguardo “La tua voce : L’orgoglio e l’identità di Bruzzano contro la “cattiva” stampa di sinistra

  • 21 aprile 2017 in 10:27
    Permalink

    Buon giorno, mi permetto di aggiungere alla visione quantomeno miope data nell’articolo di prendere atto delle innumerevoli iniziative espresse dalla comunità parrocchiale presente sin dal 13^ secolo a Bruzzano. La Parrocchia oggi è il vero elemento aggregante del quartiere; del tutto trascurata per dimenticanza o per fervore politico! Che tristezza……

    Liquidare inoltre un trentennio di presenza di un Volontariato e di una Fondazione che sono nati proprio nell’ambito parrocchiale e che operano per l’accoglienza e per la carità a favore di anziani e disabili mettendoli al pari di una pur valida associazione sportiva non fa certo onore all’autore dell’articolo che avete ospitato. Che dire inoltre del Consultorio, del Condominio solidale, di Mizar; tutte realtà vive ed operanti nate in questo ambito culturale… forse un giro nel quartiere a qualcuno sarebbe consigliato.

    Vedere pf: http://www.bvabruzzano.it ad esempio nella sezione è cultura per avere una minima idea grazie.
    Marco

    Risposta
    • 22 aprile 2017 in 14:04
      Permalink

      Chi a Bruzzano si può … permettere di dire che il sociale non funziona anzi è l’eccellenza… nessuno ha nominato né chiesa né politici … in consiglio in presenza di dirigenti dell’aquilone ho dichiarato che Bruzzano come solidarietà è l’eccellenza…però Marco avrei piacere di conoscerti… Maurizio La Loggia

      Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *