Avanti c’è posto. Altri 500 profughi per Milano

Milano 11 Gennaio – L’ultimo, però, chiuda la porta, spenga la luce e si ricordi che questa città non è un dormitorio a cielo aperto per i disperati di questa terra. Avrebbe dovuto concludersi così il bando della prefettura che stanzia altri 10 milioni per accogliere richiedenti asilo. Mettendo a disposizione le caserme, naturalmente. Non vorremo certo privarci del privilegio di avere ancora più migranti alla Montello? Rimane, in ogni caso una proposta marginale. L’obiettivo è la micro accoglienza. In maniera da mandare definitivamente al macero ogni forma di controllo di questa gente e consentire all’Isis di reclutare in santa pace. Questi alcuni passaggi del bando:

«L’appalto non viene suddiviso in lotti geografici – si legge nel documento – per non limitare territorialmente il reperimento di strutture da parte degli operatori economici, favorendo così la partecipazione alla procedura delle piccole e medie imprese che, sulla base del possesso dei requisiti richiesti dal presente disciplinare e in modalità diffusa attraverso microstrutture, possono erogare il servizio in qualunque Comune della provincia». Una mission meglio specificata in un passaggio successivo: «Per favorire un’accoglienza integrata o diffusa, è ammissibile l’offerta di più microstrutture (esempio appartamenti), dislocate in territori comunali anche diversi, purché facenti capo a un unico ente gestore».

Riporta inoltre il Giorno sul problema dell’accoglienza diffusa:

Quello dell’accoglienza diffusa è stato per tutto il 2016 l’obiettivo principale di Marangoni, più volte ostacolato dalle resistenze dei sindaci dell’hinterland: basti ricordare che al momento solo 39 Comuni accolgono richiedenti asilo sui 134 della Città metropolitana, con il 68% dei profughi ospitati a Milano (3.938 su 5.831 secondo dati aggiornati a inizio dicembre). Una tendenza da invertire, come sollecitato dallo stesso Marangoni nel corso di un recentissimo incontro con i primi cittadini dei 7 Comuni più rappresentativi dell’ex Provincia: «Altrimenti si rischia il meccanismo della roulette russa», il ragionamento. Ovvero: può succedere che un operatore si aggiudichi la gara mettendo a disposizione una struttura medio-grande in un Comune a caso, con tutto quel che ne consegue in termini di impatto sul territorio. E allora: meglio un accordo pre-emergenza con tutti i sindaci del territorio per condividere insieme la questione. Un approccio caldeggiato dal Viminale e che ora sarà compito del nuovo prefetto portare avanti in primavera.

Insomma, che dire? Pronti ad una nuova primavera ricca di risorse che elemosinano per strada?

Share Button
Luca Rampazzo

Autore: Luca Rampazzo

Laureato in legge col massimo dei voti, ha iniziato due anni fa la carriera di stratupper, con la casa editrice digitale Leo Libri. Attualmente è Presidente di Leotech srls, che ha contribuito a fondare. Si occupa di internazionalizzazione di imprese, marketing e comunicazione,

Un pensiero riguardo “Avanti c’è posto. Altri 500 profughi per Milano

  • 11 gennaio 2017 in 15:59
    Permalink

    Solo 500?! Dovrebbero inviarne almeno 50.000. tutti insieme visto la totale assenza prima del comune, situazione concreta da diversi anni, ma soprattutto dei residenti ai quali sembra vada tutto bene quello che viene imposto, con inciuci, da Roma alla ns città.
    Ormai potremmo arrivare alla situazione della città aperta e tutti qui a fare la doccia e ai poveri milanesi palate di merda in faccia. E’ giusto così visto la totale assenza dei residenti che se ne fregano di quello che sta avvenendo nella città ove circola di tutto e ad ogni angolo o negozio vi sono venti/trentenni di razza nera a chiedere elemosina abbandonati a se stessi. Quanto tempo si potrà andare avanti con questo buonismo, ma soprattutto menefreghismo?

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com