Polvere e incuria per le sculture del Monumentale

Milano 19 Ottobre – L’occhio attento di Urbanfile osserva l’ennesimo esempio di sciatteria a Milano. Un’incuria che i 2016-09-11_monumentale_7-768x1024-1visitatori possono notare senza difficoltà e che riguarda uno dei luoghi più visitati della città. Viene da chiedere se Sala e Giunta tutta a casa loro tolgano oppure no la polvere dai mobili e dagli oggetti più cari..Ma riportiamo integralmente le osservazioni della testata per testimoniare come sarebbe semplice porre rimedio a tanta incuria “Il Cimitero Monumentale è una delle mete dei turisti che passano qualche giorno a Milano.

Famoso per l’architettura, per le opere d’arte e per i nomi che vi riposano, secondo noi si meriterebbe una maggiore cura.

Progettato dall’architetto Carlo Maciachini (1818-1899) nello stile di modo a quei tempi, l’eclettismo romantico del neo-romanico/gotico, venne iniziato nel 1864 e aperto nel 1866. Da allora si è arricchito di tombe e sculture importanti, realizzate da altrettanti artisti importanti su commissione di personaggi famosi e non. Per l’altissimo valore artistico delle sculture, edicole funebri e altre opere presenti al suo interno, viene considerato un vero e proprio “museo all’aperto”.2016-09-11_monumentale_12-1024x768

Tralasciando l’ingresso e il bellissimo famedio, che tutto sommato è ben tenuto, vogliamo portare l’attenzione sul resto del complesso, specie su alcuni particolari che denotano una leggera sciatteria. Per alcune parti ci vorrebbe un intervento di restauro delle murature, in alcuni casi decisamente scrostate e decadenti.

Ma la cosa che ci ha colpito maggiormente è come sia 2016-09-11_monumentale_9b-768x1024possibile che non esista, specie nella sezione al coperto, una organizzazione che faccia la polvere alle tante sculture che abitano i lunghi corridoi del cimitero. Possibile che del personale con un semplice piumino non possa risolvere questo semplice e naturale fattore? Sappiamo che, oramai, la polvere in alcuni casi si è così radicata e incollata sui marmi che per levarla servirà un vero restauro, ma spesso sculture molto belle e affascinanti sono tristemente ricoperte dalla polvere e forse basterebbe una piccola attenzione in più per evitarlo. Per non parlare dei cassonetti dell’immondizia collocati proprio nei punti più suggestivi, come quelli attorno alla bellissima e fotografatissima tomba di Antonio Bernocchi realizzata da Giannino Castiglioni.”

Le sculture ricoperte dalla polvere fotografate da Urbanfile

Share Button
Milano Post

Milano Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *